Facebook e il tracciamento di utenti, inserzioni e negozi visitati

tracciamento-su-facebook

Come ben sappiamo, quando un servizio è gratuito nel mondo di internet, quasi sempre il “costo” che dobbiamo sostenere riguarda i dati sui nostri gusti e comportamenti, in modo da profilare più proficuamente pubblicità e simili.

Mi sono imbattuto in questa notizia dove Facebook annuncia chiaramente che userà la geolocalizzazione fornita dallo smartphone tramite il GPS e la scansione automatica delle reti WiFi, e la abbinerà alle pubblicità viste nell’app con lo scopo di informare i rivenditori su quanti utenti vedono la loro pubblicità su Facebook, e che poi vanno nei loro negozi. Come non bastasse, sarà inoltre possibile sapere quanti di questi utenti effettuano anche un acquisto.

In cambio gli utenti avranno il “vantaggio” di essere avvisati di dov’è il negozio più vicino nel quale è disponibile il prodotto reclamizzato.

I dati dell’utente saranno raccolti in forma aggregata (come fanno anche altri tipo Google con AdWords), quindi “in teoria” non sarà identificato personalmente. Ma anche quando di tratta di dati aggregati, quando ce ne sono a sufficienza, è possibilissimo capire a che persona fisica si riferiscono.

Per questo (e non solo) ho tolto da tempo l’app di Facebook dal mio smartphone, e quando voglio perdere un po’ di tempo su questo social network lo faccio da computer.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.